martedì 24 gennaio 2017

L'atto di nascita di Via Torlonia

Lodevole iniziativa del Comune, mettere tutti gli atti relativi alla nascita di Via Alessandro Torlonia online:

http://www.comune.roma.it/servizi/SITOWPS/dettaglioAreaCircolazione.do?codiceVia=377

Da notare che il sindaco era Ernesto Nathan, e tutti i consiglieri comunali erano laureati, professori, o avvocati.

domenica 29 maggio 2016

Giachetti vuol fare il Museo della Shoah a Villa Torlonia



Proprio così! nel programma di Giachetti sta scritto:

"

Ambito: Culturale/Ricreativo
Dov'è: Municipio II
Punto della situazione: Il Comune e la Fondazione hanno individuato il luogo e concluso la progettazione; manca il bando di gara. 
Che fare? Dobbiamo andare avanti con il progetto originario in quanto la localizzazione a Villa Torlonia ha un grande valore simbolico."

Insistere con un progetto sbagliato, privo di Valutazione di Impatto Ambientale, affidato senza concorso a un architetto solo perchè si chiama Zevi. E' questo il nuovo che avanza? No grazie.

venerdì 25 dicembre 2015

Guida verace di un quartiere eccentrico: Piazza Bologna fra storie, curiosità e mirabilia

Sapevate che a Piazza Bologna ci sono la casa di Pirandello, un giardino segreto, il gelato alla liquirizia Amarelli, una biblioteca in cassetta, porcacchia e grattaculo, un'accademia degli scacchi, ben sei teatri (di cui uno invisibile) e una guida che vi accompagni ad esplorarli? Tutto ciò e molto di più in questa grandiosa, geniale e imperdibile guida di quartiere. 160 pagine divise nelle sezioni Eplorazioni (inclusi tre itinerari culturali e lo Speciale Villa Torlonia), Mangiare e Bere, Negozi, Cose da Fare (con tante idee anche per i bambini), Suggerimenti per la Vita Pratica (ad esempio dove parcheggiare) e Cartine (per trovare farmacie aperte la domenica o gli orari delle poste). La guida è illustrata e lascia spazio all'immaginazione: potrete colorare con i vostri colori preferiti tutti gli sfondi o le illustrazioni. E' corredata di cartine per non perdersi mai nei grovigli di strade cercando le palazzine più belle dall'inizio del Novecento ad oggi. Questa è la prima ed unica guida esistente su Piazza Bologna ed è stata redatta da due piazzabolognesi doc. Si rivolge a turisti di passaggio, residenti e studenti fuori sede. Per ciascuno ci saranno delle sorprese! Contiene dritte su negozi strani, ristoranti nascosti e angoli affascinanti che non t'aspetti. Se "Ci vediamo alle poste" vi suona familiare, questa è la guida che fa per voi. E se al contrario non vi dice niente...beh, non vi è venuta voglia di scoprirlo? Guida verace di un quartiere eccentrico: Piazza Bologna fra storie, curiosità e mirabilia Copertina flessibile – 4 dic 2015 di Alice Muzzioli, Francesca Gabrielli €10.92 su Amazon

giovedì 24 dicembre 2015

ci risiamo...

L’EMENDAMENTO

Museo della Shoah, ecco la deroga
al Patto di stabilità: via ai lavori

Dalla Legge di stabilità la possibilità al Comune di spendere tre milioni di euro. L’architetto Zevi: «È un momento importante, si conclude ciclo complesso»

di Alessandro Capponi

shadow

0

0

0

Mancava giusto un tassello, ed è arrivato ieri: la prima pietra del Museo della Shoah a Villa Torlonia, opera progettata e attesa a Roma da tanti anni, sarà posata con ogni probabilità nel luglio del 2016. L’architetto Luca Zevi, che ha firmato il lavoro, ammette che «è un momento importante, si conclude un ciclo amministrativo molto complesso, e adesso finalmente non solo la città ma l’Italia potrà avere il Museo».

L’emendamento

L’emendamento alla legge di Stabilità ricalca quello già realizzato nel 2013, quando Mario Monti escluse dal Patto di stabilità la cifra destinata all’opera: quei soldi non sono mai stati spesi e dunque è stato necessario un nuovo intervento. Nel prossimo anno, dunque, il Comune avrà la possibilità di spendere «tre milioni» di euro fuori dal Patto. «Dopo le numerose frenate della destra, ed il tempo purtroppo perso durante l’amministrazione Marino — dicono la parlamentare Pd Lorenza Bonaccorsi e il renziano romano Luciano Nobili — per dare concretezza ad una realtà presente in molte capitali europee, finalmente si è arrivati con l’approvazione della Legge di Stabilità all’esclusione dei 3 milioni di euro, necessari per il Museo della Shoah, dalle spese di Roma Capitale».

Ora la firma

I prossimi passi sono, praticamente, già decisi: tutte le procedure sono state espletate, compresa l’aggiudicazione definitiva, quindi adesso il Campidoglio dovrà firmare il contratto con l’impresa aggiudicatrice e, presumibilmente nella prossima estate, a Villa Torlonia si comincerà a lavorare. «Sono molti mesi che ci battiamo - dicono gli esponenti Pd — perché finalmente a Roma possa vedere la luce un progetto coltivato da molti, quello del museo della Shoah. Per questo vogliamo ringraziare il governo e i tanti che in Parlamento hanno permesso di conseguire questo risultato che onora Roma, città che ha conosciuto il dramma della deportazione e guadagnato sul campo la medaglia d’oro per la Resistenza».

24 dicembre 2015 | 09:48

 

Villa Massimo da tre anni è chiusa

sostieni la petizione per la riapertura di Villa Massimo

http://blog.libero.it/villamassimo/